Karpos

Karpos

Karpos

Categoria: 

VALTELLINA OROBIE 2020

Sottotitolo: 
Domenica non si corre. questi sarebbero stati i favoriti :-)

22/2/2020
Tags: 
valtellina orobie
albosaggia
valtellina
meriggio
campionato italiano scailpinismo
michele boscacci
robert antonioli
matteo eydallin
alba de silvetsro
giulia Murada
polisportiva albosaggia

Valtellina Orobie 2020, a sette giorni dal via cominciamo ad alzare il sipario sulla super classica del Meriggio che, quest’anno, assegnerà i titoli italiani FISI a coppie; gli ultimi della stagione...

Sulla carta, sia al maschile, sia al femminile, a contendersi il successo avrebbero dovuto essere le squadre del Cs Esercito di Courmayeur.

 

 

 

 

LA GARA IN ROSA: Al femminile nessun dubbio, nessuna incertezza. Il tifo sarà tutto per la coppia “Made in Albosaggia” composta da Giulia Murada e Alba De Silvestro. La prima, “figlia d’arte” della Polisportiva è nata e cresciuta all’ombra del Meriggio, la seconda – futura signora Boscacci – ha scelto questo paese per viverci e la sua  montagna simbolo come terreno d’allenamento. Per le avversarie sarà dura soffiare loro titolo e vittoria finale.

 

 

MOLTO PIU’ INCERTA LA SFIDA LA MASCHILE: L’idolo di casa Michele Boscacci schierato al fianco del talentuoso Davide Magnini, il campione del mondo Robert Antonioli al via con l’esperto Matteo Eydallin. Due Scalatori con la S maiuscola contro due “caccia” in discesa, la 34ª Valtellina Orobie si preannuncia quanto mai incerta. Per i “bosacc”, veri gourmet dello skialp, quello di domenica 01 marzo sarà un appuntamento da non perdere. Per la gara del Meriggio l’ennesima grande vetrina, per il sodalizio del presidente Gianluca Cristini l’ennesima sfida organizzativa di livello. IL PERCORSO: Sulle Orobie l’innevamento non è certo quello delle grandi occasioni. Se la tecnica discesa nel bosco, vero e proprio fiore all’occhiello di questa gara, non sembra essere a rischio, salvo precipitazioni dell’ultima ora che potrebbero rimescolare le carte in tavola, la zona di partenza arrivo potrebbe essere spostata un poco più in alto dei classici Campei. Per il resto, tutto confermato: vero fuoripista, passaggio in  vetta al Meriggio, tracciato altamente tecnico e pubblico delle grandi occasioni a fare da cornice.

 

 

 

 

NON SOLO GARA: Per la consueta serata dedicata al pubblico, un programma che promette emozioni: «Venerdì alle 20,30 presso la Palestra Comunale - ha annunciato Il sindaco Graziano Murada - ricorderemo con testimonianze, immagini e racconti, la figura di Mario Cotelli». Una scelta dal significato preciso: «Da sempre amiamo lo sci e da sempre lavoriamo per lo sviluppo di modelli virtuosi, proprio come quelli che hanno permesso a Cotelli e alla leggendaria Valanga Azzurra di farsi onore nel mondo».

 

 

 

 

 

UNA BORSA DI STUDIO PER ATLETI MERITEVOLI: Per l’occasione sarà lanciata la prima borsa di studio riservata agli studenti maturandi che praticano gli sport invernali a livello agonistico. Un piccolo gesto per incentivare lo sport e sostenere i ragazzi meritevoli. Un altro particolare che fa della Valtellina Orobie qualcosa di più di una semplice gara. Maurizio Torri

 

Aggiungi un commento