Categoria: 

Albosaggia (So) La Valtellina Orobie aprirà un trittico di gare

Maurizio Torri
2/12/2008

Nulla da dire per gli scialpinisti sondriesi sarà un'inverno a dir poco intenso

La neve c’è, le idee e l’entusiasmo pure; nel comprensorio delle Orobie Valtellinesi è lecito attendersi un’entusiasmante inverno per gli appassionati di sci e pelli di foca. A poco più di un mese dalla gara di Coppa del Mondo ISMF che porterà sulle pendici del monte Meriggio i migliori atleti del ranking internazionale, il presidente della Polisportiva Albosaggia Franco Parolo ha scoperto le carte ufficializzando la nascita dello “Skiathlon delle Orobie”. «Le nostre montane per chi pratica lo scialpinismo sono un vero e proprio parco giochi – ha esordito -. Accogliendo di buon grado la proposta di Mauro Berniga, un amico della Polisportiva che chiedeva una nuova gara in Val d’Arigna a ricordo di suo figlio Gino, all’interno del consiglio è nata l’idea di proporre un trittico di competizioni individuali che esaltassero le nostre montagne avvicinando sempre più gente alla pratica dello skialp». Detto, fatto: «La Valtellina Orobie, in programma il 18 di gennaio e valevole come 2ª tappa di Coppa del Mondo ISMF sarà la prova d’esordio. Seguiranno la Stralunata, in calendario l’11 febbraio in notturna sulle nevi dell’Aprica e la nuova gara sull’alpe Pesciola il 1° di marzo. Quest’ultima, si svolgerà nella formula ad inseguimento in base ai distacchi maturati nelle prime due prove». Tante novità e un’unica certezza; garanzia di qualità sarà data dalla comprovata esperienza della Polisportiva d Albosaggia: «Non solo – ha concluso Parolo -. Non dimentichiamo che la gara dell’Aprica è ufficialmente riconosciuta come una delle notturne più belle in ambito nazionale e di sicuro la più bella delle Alpi Centrali». Tra i supporter di questa idea, che porterà un bel numero di atleti a cimentarsi su mete classiche dello scialpinismo, vi è pure il presidente del Parco delle Orobie Valtellinesi Walter Raschetti: «Tra le attività del parco, oltre al tutelare la flora e la fauna, vi è anche il proporre un turismo sostenibile che valorizzi le nostre montagne. La Valtellina Orobie e il nuovo circuito proposto dalla Polisportiva Albosaggia trovano quindi il nostro appoggio incondizionato. Per l’area di nostra competenza questi eventi saranno una bella vetrina e ci vedranno impegnati in prima linea». Entrando nei dettagli di questa partnership, Raschetti ha proseguito: «Gli scialpinisti sono per antonomasia persone dalla spiccata sensibilità naturalistica, ma ciò non basta. Per questo i nostri tecnici lavorano in stretta sinergia con i tracciatori al fine di proporre un percorso che abbia un impatto ambientale pressoché nullo e che disturbi il meno possibile la fauna presente sul territorio. Non dobbiamo infatti dimenticare che le gare si disputeranno all’interno di un parco che presenta delle biodiversità uniche e peculiari lungo tutto l’arco alpino. Biodiversità e peculiarità che meritano di essere conosciute per poi essere ancor meglio tutelate». Da precisare che la Valtellina Orobie Event non è solo sport, ma anche cultura alpina: «Infatti – ha concluso Raschetti -. Lo scorso anno, in collaborazione con la Polisportiva di Albosaggia, si è dato vita a delle mattinate educational nelle scuole tenute dal nostro direttore Claudio La Ragione. Iniziativa lodevole e che sicuramente in futuro andremo a riproporre».

Maurizio Torri
(Ufficio Stampa)
cell. 329/5469483
mail info@sportdimontagna.com

Aggiungi un commento