Categoria: 

MARATHON DU MONT BLANC 2021

Sottotitolo: 
Maude Mathys e Stian Angermund tentano la fuga....

4/7/2021
Tags: 
maraton du mont blanc
Chamonix
golden trail series
francia
salomon
SALOMON RUNNING

Dopo un anno sabbatico, causa Covid, nella Mecca del Trail Running (maiuscole dovute e volute), sono tornati i galacticos di Golden Trail World Series. Next Stop Canazei...

Golden Trail World Series 2021 atto secondo. A Chamonix in 1.600 si sono misurati sul nuovo  percorso della Mont-Blanc Marathon, modificato per rispettare le restrizioni imposte a causa dell'emergenza sanitaria. Solo 4 km in meno, 38 km per un notevole dislivello di oltre 2.600 metri. Su tutti, come nella prima tappa l'hanno spuntata Maude Mathys e Stian Angermund.

 

 

Il norvegese aveva già dimostrato di esserci nel primo round di questo GTWS 2021 in Spagna. Oggi l'ha ribadito. Trattenendosi nella prima parte di gara, ha saputo aspettare il momento giusto per sfiancare i propri avversari. «All'inizio mi sentivo in difficoltà... Forse avevo mangiato troppo. Ho tenuto duro e stavo correndo con Bart, Davide e Carlos. Poi in cima, sono passato dall'altra parte con Davide ma poi Bart ha accelerato la discesa verso Vallorcine. Per fortuna sono riuscito a stargli dietro anche se ha creato un gap. A Vallorcine l'ho raggiunto e mi ha detto che le sue gambe non stavano benissimo. Ho messo un po' di pressione sulla salita per creare un gap. Non sono mai stato molto rilassato, avevo davvero paura che Bart, Davide o anche qualcun altro mi raggiungessero prima del traguardo. Ma da La Flégère mi sono davvero divertito, mi piace molto questa parte del percorso, che è super divertente da correre».

 

 

 

 

AL FEMMINILE UNA SOLA DONNA AL COMANDO:

Maude Mathys (Svizzera, Team Salomon) ha riproposto lo stesso schema di gara della prima tappa. La svizzera ha subito creato il gap con le rivali presentandosi in solitaria al traguardo. «Ho avuto ancora difficoltà a trovare un buon ritmo. I miei quadricipiti erano duri da morire, non potevo scattare in avanti ed ero troppo rigida in discesa. Sapevo che Anaïs era forte. Poi c’era la grande salita ed è stata la mia occasione per andare avanti e creare un gap. In discesa non ho preso rischi e poi, nell'ultima ora, mi sono sentita meglio e sono riuscita a tirare il ritmo. Non erano ancora le stesse sensazioni che avevo in Spagna, lì stavo volando. Ecco, ho aumentato il mio vantaggio, ma non ero serena».

 

 

 

CLASSIFICA MASCHILE:

 

1 – STIAN ANGERMUND (NOR – SALOMON): 03:18:08 (+100 pts)

2 – DAVIDE MAGNINI (ITA – SALOMON): 03:20:10 (+88 pts)

3 – BARTLOMIEJ PRZEDWOJEWSKI (POL – SALOMON): 03:23:23 (+78 pts)

4 – RÉMI BONNET (CHE – SALOMON): 03:27 :14 (+72 pts)

5 – FRANCESCO PUPPI (ITA – NIKE TRAIL): 03:28:18 (+68 pts)

 

CLASSIFICA FEMMINILE:

 

1 – MAUDE MATHYS (CHE – SALOMON): 03:51:04 (+100 pts)

2 – ANAÏS SABRIÉ (FRA – MATRYX): 04:00:17(+ 88 pts)

3 – BLANDINE L’HIRONDEL (FRA – HOKA ONE ONE): (+ 78 pts)

4 – DANIELA OEMUS (GER): 04:13:34 (+72 pts)

5 – MARCELA VASINOVA (CZE – SALOMON): 04:14:46 (+68 pts)

 

 

(FOTO @GoldenTrailSeries | @Marathondumontblanc | @Jordisaragossa)

 

 

Aggiungi un commento