Categoria: 

LEDRO SKYRACE 2021

Sottotitolo: 
Domenica si corre la seconda tappa del circuito La Sportiva Mountain Running Cup...

9/6/2021
Tags: 
ledro
lago di ledro
trentino
la sportiva
la sportiva mountain running cup
skyrunning

In 550 al via sul Senter de le Greste. Al via anche l'ex iridata della corsa in montagna Alice Gaggi e i due "bad boy" del team Salomon Alberto Vender & Marco Filosi...

Gare di Livello alla seconda tappa del circuito La Sportiva Mountain Running Cup. Al via è attesa la valtellinese Alice Gaggi, campionessa iridata di corsa in montagna nel 2013. Mezione d'obbligo per la vincitrice 2019 Francesca Rusconi e per la nazionale austriaca di skialp Stephanie Kröll. Al maschile riflettori puntati su Alberto Vender e Marco Filosi, freschi di medaglia d’argento ai campionati italiani di staffetta disputati pochi giorni fa a Lanzada (So). 

Confermati anche Christian Modena, Patrick Facchini e Andrea Debiasi. Tra gli osservati speciali anche il premanese Mattia Gianola.

 

 

LA GARA:

Il quartier generale nuovamente posto a Mezzolago, dove sono collocati partenza ed arrivo della gara, è pronto ad accogliere gli atleti: sarà una Ledro Sky adattata alle contingenze dovute all’emergenza ancora in atto ed allestita nel pieno rispetto dei protocolli sanitari spiegano gli organizzatori -, ma il fascino della manifestazione organizzata dalla Società Sportiva Tremalzo del presidente Paolo Ferrari resta immutato. Peculiarit di questa tappa il tratto centrale - il famigerato Senter delle Greste - disegnato sulla sottile linea che congiunge Cima Parì (punto più alto della gara con i suoi 1988 metri di quota) a Cima Oro, passando per Cima Sclapa e Bocca Dromaè. Per minuti gli atleti saranno sospesi, tra la Valle di Ledro ed il Garda Trentino, con le acque smeraldo del Lago di Ledro a fare da punto di riferimento dell’intero tracciato: anche per il 2021 è stato confermato dagli organizzatori un triplice rilevamento cronometrico: a Cima Parì per “misurare” l’ascesa dal via, a Cima Oro per stilare una graduatoria del Senter dele Greste ed infine, naturalmente, all’arrivo.

 

 

I RECORD DA BATTERE:

  L’edizione 2017 è stata la più veloce di sempre, con Martin Stofner capace di tornare a Mezzolago dopo 1:48’20” di gara, seguito poco dopo dalla rumena Ingrid Mutter con il tempo di 2:16’24”: sono questi i record del tracciato, i due primati fissati come obiettivo da chi vuole lasciare il segno sul Senter delle Greste.

IL PERCORSO

Partenza ed arrivo a Mezzolago (675m), a pochi metri dalle sponde del Lago di Ledro che sarà costeggiato per il primo tratto di gara fino al centro storico di Pieve, dove inizia la salita che passando dalla sella del Monte Cocca (1360m) e dal Monte Caret (1793m) porta a Bocca Saval (1740) e quindi alla sommità di Cima Parì (1988m) dove è posto il traguardo volante intitolato alla memoria di Damiano Gnuffi.

 

Toccata la croce di vetta, si imbocca il Senter dele Greste, il tratto identificativo della Ledro Sky: una cresta aerea che condurrà gli atleti prima verso Cima Sclapa (1887m) e quindi in picchiata a Bocca Dromaè (1675m) dove si riprenderà a salire lungo la dorsale verso Cima Oro (1802m) e la successiva croce panoramica (1703m) con il Lago di Garda alla sinistra ed il Lago di Ledro alla destra degli atleti. A quel punto l’arrivo sarà praticamente ai piedi degli atleti: 1000 metri di dislivello da assalire lungo le trincee del sentiero austroungarico fino alla località Belvedere (1400m) per poi proseguire per il sentiero botanico che conduce alle porte di Mezzolago con il rush finale su asfalto.

 

 

A differenza del solito, nel rispetto delle indicazioni sanitarie, non ci sarà spazio per il terzo tempo e la tradizionale festa del post-gara: lo spettacolo sarà tutto nelle avvincenti sfide per la vittoria e negli scorci mozzafiato che la Valle di Ledro ed il Senter dele Greste sanno regalare, con le cime d’intorno ancora imbiancate e lo sguardo che può spaziare a 360 gradi, dalle Alpi agli Appennini.

 

 

La Ledro Sky - Senter dele Greste rappresenta un autentico manifesto dell’eccezionale biodiversità che si vive in Valle di Ledro, un territorio che nel giro di poche centinaia di metri sa passare dalle sponde del lago, patria degli sport acquatici (vela, canoa, triathlon) alle selvagge vette alpine, enfasi per le attività Outdoor di ogni genere e scrigno colmo di ricchezze naturalistiche, storiche e culturali.

Aggiungi un commento