.

Categoria: 

Palaronda Ski Alp, vittoria per Riz & Calliari

Maurizio Torri
6/4/2009

Il fassano Martin Riz mette il sigillo anche sulla prima edizione del Palaronda Ski Alp e con una gara d'anticipo fa sua la 17ª edizione della Coppa delle Dolomiti

Per quanto riguarda la gara in rosa, la nonesa Orietta Calliari, grazie ad una prestazione tutta grinta ritrova il successo e anche il pettorale rosso di leader di Coppa. Sono loro i protagonisti della manifestazione organizzata dallo Ski Club San Martino, valida anche come prova di Coppa Italia, che per questioni di sicurezza ha dovuto ricorrere al percorso alternativo, proponendo anziché il suggestivo tracciato attorno all'altopiano delle Pale di San Martino un itinerario di 16,94 km con un 1540 metri di dislivello complessivo in salita nella zona opposta attorno a Punta Ces, nel gruppo del Lagorai.
Una prova, con 205 iscritti, che si è sviluppata in gran parte su pista, dove all'inevitabile mancanza di tecnicità gli organizzatori, coordinati dal responsabile di settore della Fisi Trentino Mariano Lott, hanno contrapposto dei tratti di salita con dislivelli importanti, che hanno fatto inevitabilmente la differenza.

Al lancio, visto che il primo tratto della gara è partito dal centro del fondo di San Martino di Castrozza (quota 1465 metri), guarda caso è proprio l'ex specialista degli sci stretti l'agordino Alessandro Follador a fare l'andatura. Quando però è aumentato il dislivello Riz ha preso subito la testa, seguito da Follador, dal fassano di Soraga Ivo Zulian, dall'altoatesino Friedl Mair e da Riccardo Dezulian. Ai 1670 metri di Malga Ces Martin Riz aveva già un vantaggio di una decina di secondi sulla coppia Zulian e Follador, mentre Mair e Dezulian avevano perso qualche metro.

Al primo cambio pelli al rifugio Punta Ces (2227 metri) Riz è transitato in testa con 20 secondi su Follador e Zulian, vantaggio incrementato nel tratto in discesa su pista che riportava a Malga Ces, quindi nel tratto impegnativo nel bosco che riportava a valle con un passaggio sci in spalla. Quando la strada forestale della Val Cigolera ha iniziato ad impennarsi un Follador in gran forma, seguito sulle scie da Zulian, hanno guadagnato metri importanti su Riz e a Malga Cigolera (1885 metri) accusavano un ritardo dal pettorale rosso di soli 10 secondi. Il fassano di Campitello ha stretto però i denti e a Punta Ces è riuscito a passare ancora primo, con un vantaggio di una trentina di metri.

Nell'ultima discesa Riz ha sfruttato al meglio le sue doti di ex gigantista, tagliando il traguardo con il tempo di 1h46'44”, ad un minuto e 16 secondi ha chiuso Ivo Zulian, che però ha subito una penalità di un minuto dai giudici di gara per non aver tolto gli sci nel tratto tecnico a piedi nel bosco e nella graduatoria è scivolato in quarta posizione, e così ancora una volta gli è sfuggito il podio in questa stagione per lui stregata. In seconda posizione si è piazzato così Alessandro Follador, con un ritardo di 1'43” e sul terzo gradino è salito il fiemmese Riccardo Dezulian, transitato sul traguardo con 2'04” di ritardo. Quarto quindi Zulian a 2'13” e quinto Friedl Mair a 2'55”, l'altoatesino incappato in una giornata negativa che lo ha costretto a dire addio ai sogni di Coppa delle Dolomiti, alzando definitivamente bandiera bianca nei confronti di Riz.

La gara femminile è invece vissuta sul forcing iniziale del terzetto composto dalla leader di Coppa delle Dolomiti Sabrina Zanon, quindi dalle due valtellinesi Silvia Rocca e Laura Besseghini, in gara alla caccia di punti preziosi per la Coppa Italia. Il terzetto nel tratto pianeggiante, dandosi cambi sincronizzati, e sino a Malga Ces era riuscito a distanziare Orietta Calliari, che però quando è aumentato il dislivello ha incrementato il ritmo, raggiungendo e superando le avversarie e transitando in testa al primo passaggio a Punta Ces. Da quel momento in poi la Calliari ha proseguito la sua marcia trionfale, mentre la rivale Zanon, complice anche un attacco influenzale patito durante la settimana, è andata in crisi, perdendo terreno e chiudendo addiritura sesta. Al traguardo la Calliari ha terminato con il tempo di 2h17'18”, precedendo di 3'18” Silvia Rocca, che consolida così la sua leadership in Coppa Italia e terza Laura Besseghini dello Sci club Sondalo.

Fra i master si sono imposti Giulia Bonomo del Brenta Team ed Hartmann Stifter del Mountain Ski. Nella classifica di Coppa delle Dolomiti, che si chiuderà il giorno di Pasquetta con la Ski Alp Dolomiti di Brenta, Martin Riz ha ora 620 punti, contro i 495 di Friedl Mair e i 340 di Alessandro Follador, mentre in campo femminile Orietta Calliari è balzato al comando con 550 punti, seguita da Sabrina Zanon con 500 e da Silvia Rocca con 305.

Aggiungi un commento