.

Categoria: 

Boom di iscritti al prossimo Mezzalama. La maratona dei ghiacciai si corre il 19 aprile

Maurizio Torri
18/3/2009

La squadra da battere? il CS Esercito di Courmayeur. Resta solo da vedere chi dei suoi quattro atleti lascerà fuori il tecnico Emanuel Conta. Tra le equipe in lizza per il primo posto anche il Team "Crazy Idea" con Guido Giacomelli, Florent Troillet e Kiljan Jornet!!!

Sono quasi 1200 i partecipanti iscritti alla 17° edizione del Trofeo Mezzalama, la più classica gara di scialpinismo delle Alpi che si correrà domenica 19 aprile da Cervinia a Gressoney, attraverso i ghiacciai del Monte Rosa e la vetta del Castore. Le squadre che hanno presentato la loro candidatura sul nuovo sito internet www.trofeomezzalama.org. Sono ben 397, ciascuna composta di tre elementi, come alle origini negli anni Trenta, che si legheranno in cordata per buona parte del percorso per affrontare in sicurezza l’insidia dei crepacci e dell’alta montagna.
Quasi un terzo i team stranieri, provenienti da tredici nazioni: soprattutto da Svizzera, Francia e Spagna, ma anche da Austria, Polonia, Gran Bretagna, Belgio, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Andorra, Slovenia e Grecia. Vistoso l’aumento delle squadre femminili che sono venti, più dodici cordate miste con una donna a completare il team.
Un simile boom di iscritti, un terzo abbondante più dei concorrenti dell’ultima edizione disputata nel 2007 – la gara si corre ogni due anni – ha sorpreso gli stessi organizzatori. Infatti oltre ad affrontare l’impegno della dura maratona in alta quota, gli atleti abituati dalle moderne gare a gareggiare in coppia, devono trovare un terzo compagno per comporre la cordata del Mezzalama. Non sono però previste misure di sfoltimento dei concorrenti come qualche edizione fa, quando si riteneva che il tetto massimo sostenibile dal percorso in quota si limitasse a duecento squadre.
La guida alpina Adriano Favre, direttore tecnico della gara è ottimista: “L’abbondante copertura nevosa di questa stagione ci fa sperare in una buona riuscita. Se poi l’alto numero di partecipanti non sarà sfoltito dal tradizionale cancello orario sul colle del Breithorn, schiereremo più guide e personale per garantire la sicurezza sul Castore e sul Naso del Lyskamm. Ormai chi si iscrive al Mezzalama viene ben allenato per finire la gara.”
Tra gli italiani che costituiscono comunque più di due terzi degli iscritti, prevale su tutti il contingente dei valdostani di casa, ma spiccano grossi nuclei di valtellinesi, trentini e sudtirolesi. Tra le squadre piemontesi, numerosi i team provenienti dal Biellese e dalla provincia di Cuneo. Iscritte anche diverse squadre di torinesi, tra cui un team composto da tre sorelle e quello dello Ski Club Torino, l’antico sodalizio a cui apparteneva il pioniere dello sci Ottorino Mezzalama e che fondò la gara nel 1933.

Aggiungi un commento