.

Categoria: 

VERTICAL TUBE RACE 2019 - MONTAGNA IN VALTELLINA (SO)

Sottotitolo: 
Esauriti i 400 pettorali, e una vertigionosa sfida élite

3/4/2019
Tags: 
vertical tube race 2019
montagna in valtellina
mountain running
sondrio

Sabato 6 Aprile andrà in scena la 5^ edizione del chilometro più duro al mondo: una only-up da correre tutta d’un fiato....

Un muro verticale lungo un chilometro con ben 2713 gradini e 500 metri di dislivello positivo da affrontare stringendo i denti.

Tutti esauriti i 400 pettorali messi a disposizione dal comitato organizzatore, i primi concorrenti partiranno come da programma alle ore 13:00. Ad aprire le danze saranno le atlete della categoria femminile, seguite a ruota da quella maschile, con le partenze in ordine alfabetico.
Il momento clou di giornata scatterà con la sfida delle élite donne (16:30) per poi concludersi con gli élite uomini verso le 17.00 circa.

Una festa non solo per gli atleti, nel villaggio gara allestito alla partenza ci sarà la possibilità di pranzare e un bancone bar, oltre all’intrattenimento con dj set. La visuale migliore si avrà dai 7 ponti panoramici, da cui poter tifare amici, parenti e top runners della gara élite.

Preview gara femminile

Ci riprova la polacca Katarzyna Kuzmynska che sembra essersi affezionata alla condotta valtellinese dopo la vittoria del 2017 e il secondo posto dello scorso anno, preceduta solo dalla sorpresa catalana di giornata: Gisela Carrion Bertran. Quest’ultima non sarà al via sabato ma a rendere la sfida sicuramente accattivante ci sarà non solo l’azzurra del mountain running Valentina Belotti, reduce di un secondo posto nel 2017 preceduta dalla sopraccitata Kuzmynska, ma anche la giovane valtellinese Elisa Compagnoniche cercherà di rifarsi dopo il 4° piazzamento dello scorso anno a soli 24″ dal podio.

Giocheranno in casa Alessandra Valgoi e la compagna di squadra Elisa Sortini, migliore azzurra nella spedizione andorrana degli ultimi campionati iridati di Mountain Running Classic. Da non sottovalutare altre atlete da top 5:Camilla Magliano, Samantha Galassi, Roberta Ciappini e Cristina Bonacina. Non solo Italia ma anche rappresentanza internazionale al  chilometro più duro del mondo: dal Regno Unito ci sarà la tower runner Sonja Shakespeare  accompagnata dalla francese Bertrande Amandine.

Preview gara maschile

Torna ancora una volta il campione uscente Hannes Perkmann due volte vittorioso al vertical tube. Tra l’altoatesino del team Sportler e la terza vittoria ci sono di mezzo numerosi avversari che possono dargli filo da torcere. Dall’austria arriva la concorrenza di Jacob Mayer, secondo ai recenti mondiali Red Bull 400: una sfida davvero particolare con una ripida salita che raggiunge il 78% di pendenza e un dislivello di 135 metri. L’anno scorso si è “accontentato” dell’argento quest’anno potrebbe confermarsi o migliorare, stiamo parlando di Alberto Vender atleta portacolori del Valchiese.  Altra giovane promessa del mountain running italiano da aggiungere al cast è il saluzzese Andrea Rostan, azzurrino ai mondiali premanesi del 2017 e atleta da top ten al PizTriVERTIKAL 2018. Al via anche il veterano della corsa in montagna Emanuele Manzi, capace di andare a podio più volte in questa manifestazione e il fondista Claudio Muller, atleta classe 92 portacolori del Centro Sportivo Carabinieri. Ospiti internazionali: torna dalla spagna Marco Toda mentre dalla  Gran Bretagna arriva Harris David.

 

Programma Vertical Tube Race 2019

Venerdì 5 aprile 2019

Dalle 15:00 possibilità di ritiro pettorali presso Mazzucchi Sport via Mazzini 51 SONDRIO

Sabato 6 aprile 2019

11:00 Ritrovo e distribuzione pettorali presso zona partenza via Panoramica Montagna in Valtellina 13:00 Inizio partenze a cronometro
16:30 Inizio partenza ELITE femminile
17:00 Inizio partenza ELITE maschile

17:50 Fine arrivi
18:30 Inizio premiazioni assolute e di categoria
A seguire VERTICAL TUBE PARTY: dj set drink & food

N.b. il programma potrebbe subire delle variazioni per esigenze organizzative Durante la manifestazione sarà garantito servizio bar
Servizio navetta rientro a ca. 400 metri da zona arrivo a zona partenza

 

 

Il comitato organizzatore ricorda a tutti gli iscritti che è severamente vietato entrare ed allenarsi sui gradini della condotta forzata di proprietà Enel. Chi venisse sorpreso all’interno dell’impianto sarà immediatamente escluso dalla gara e potrà essere denunciato all’autorità giudiziaria.

Aggiungi un commento