.

Categoria: 

C'è il Mondo intero a Valdidentro... Venerdì e sabato spettacolo assicurato!!!

Maurizio Torri
11/2/2009

249 atleti di 27 nazioni al via nelle due giornate di Coppa del Mondo. A tu per tu con Arianna Follis e Magda Genuin, le sprinter azzurre

Renato Pasini e Cristian Zorzi al maschile, Arianna Follis e Magda Genuin al femminile. La sprint di Coppa del Mondo di Valdidentro, organizzata dallo Sci Club Alta Valtellina ed in programma venerdì prossimo, offre ben più di una semplice speranza ai colori azzurri.

A fungere da certificato di garanzia, i risultati conquistati ultimamente in Coppa del Mondo dai fondisti italiani che, per quanto riguarda la squadra femminile, hanno in Arianna Follis l’atleta di punta, due volte sul gradino più alto del podio in questa stagione, prima a Praga e poi a Nove Mesto (nelle due sprint inserite nella rassegna a tappe del Tour de Ski).

Il tris è arrivato nella team sprint di Vancouver del 18 gennaio scorso, vinta in coppia con Magda Genuin, senza dimenticare il terzo posto nella pursuit di Vancouver ed il doppio “argento” conquistato a Rybinsk il 30 e 31 gennaio scorsi. Due secondi posti, dunque, centrati nella 10 km in tecnica libera vinta dalla livignasca Marianna Longa e nella sprint in tecnica libera, gara che ha visto chiudere al terzo posto la bellunese Genuin, al primo podio di stagione in una sprint individuale.

Ed ora tocca alla gara di casa, che potrebbe regalare alle azzurre nuove motivazioni. “Dopo i risultati ottenuti in questa stagione – racconta la 32enne valdostana Arianna Follis - spero di conquistare un buon risultato anche a Valdidentro. Logicamente non sarà una passeggiata, come sempre d’altronde, però mi impegnerò a fondo per poter centrare l'obiettivo. Tutto questo senza stress e troppo trasporto anche perché, se non riuscissi a raggiungere l'obiettivo, la delusione sarebbe tanta”.

Le sensazioni, così come la forma, sono comunque ottime, soprattutto dopo quanto visto a Rybinsk a fine mese di gennaio, due volte ad un passo dalla vittoria. “Nella gara pursuit di Rybinsk – continua la sprinter azzurra - Marianna (Longa, ndr) allo sprint era davvero veloce e aveva ancora tanta energia, io non riuscivo a fare di più, anzi, con la coda dell'occhio continuavo a guardare indietro sperando che non arrivassero le altre. Nella sprint di sabato, invece, avevo tanta energia ed infatti ho rimontato la Kowalczyk e Magda proprio sul rettilineo finale”.

Cosa sente di poter promettere ai tifosi per la sprint di Valdidentro? “Per non caricarmi di troppe responsabilità – conclude la valdostana - non mi sento di promettere nulla. Spero di ottenere qualcosa di buono. Anzi, una promessa la posso fare: ce la metterò tutta!”.

E altrettanto farà sicuramente anche Magda Genuin, reduce dal primo podio stagionale, arrivato, così come un anno fa, a fine mese di gennaio (lo scorso anno a Canmore, in Canada, quest’anno a Rybinsk). Casualità?

"Contrariamente a quello che si potrebbe pensare - racconta la Genuin -, non ho impostato una preparazione specifica, anche se il periodo coincide. Ad inizio stagione ho faticato ad ingranare, ma anche perché la concentrazione si divideva tra i libri universitari e la pista. Quando a fine 2008 mi sono laureata ed ho potuto concentrarmi solo sulle competizioni, tutto ha cominciato a girare per il meglio. Per quanto riguarda la coincidenza della data dei miei due podi, quello del gennaio 2008 e quello del gennaio 2009, penso che buona parte del merito vada attribuita alla partecipazione al Tour de Ski. Una rassegna massacrante ma che, come l'anno scorso, mi ha consentito di trovare la forma ottimale".

Forma arrivata proprio nel periodo che, nel breve volgere di pochi giorni, vedrà la bellunese prima impegnata a Valdidentro e poi ai campionati del mondo. "La gara di casa è un appuntamento che, per ovvi motivi, noi atleti sentiamo in modo particolare. Per questo voglio cercare di ripetere quanto di buono fatto in questo ultimo periodo. Per giunta, la pista di Valdidentro mi si addice come caratteristiche e ricorda molto quella di Rybinsk, dove sono riuscita a salire sul podio. I Mondiali? Sono gare strane, con molte più variabili rispetto ad una prova di Coppa del Mondo. La speranza è quella di avere l'opportunità di dimostrare ciò che valgo e centrare la finale. Poi si vedrà...".

Il via alla gara venerdì mattina alle 9.45 con le qualificazioni, seguite dalle fasi finali a partire dalle 11.30. Il giorno seguente, sabato 14 febbraio, toccherà invece alla gara in tecnica classica, una 10 km femminile ed una 15 km maschile. Lo start alle 12.15 (gara femminile) e alle 14.15 (gara maschile).

Una due giorni intensa, alla quale sono iscritti 249 atleti di 27 diverse nazioni, con tutti i “big” ai nastri di partenza. Ci saranno infatti i leaders di Coppa del Mondo Dario Cologna e Aino-Kaisa Saarinen, così come tutti i norvegesi (Northug, Roenning, Hetland, Dahl, il rientrante Hjelmeset e le varie Bjoergen, Steira, Skofterud e Johaug), i tedeschi (Angerer, Teichmann, Filbrich e Sommerfeldt), i finlandesi (Jauhojaervi al maschile e Kuitunen, Saarinen, Muranen e Roponen al femminile), gli svedesi, i russi (unico team con qualche defezione di rilievo) e i francesi, senza chiaramente dimenticare la folta e competitiva pattuglia italiana.

Info: www.valdidentro.net (Foto e Fonte Newspower)

Aggiungi un commento