.

Categoria: 

Taipei 2009

Maurizio Torri
18/5/2009

Ecco il resoconto di Marco De Gasperi

Il clima a Taipei quest'anno era esageratamente umido e afoso rispetto ali altri anni, e anche all'interno delle scale ci si accorgeva delle cattive condizioni che hanno messo a dura prova la scalata degli atleti. La partenza di Thomas Dold, il primo atleta classificato nel 2008 è avvenuta alle 8 in punto. Poi, con distacchi a seguire, sono partiti tutti gli altri. millecinquecento i partecipanti quest'anno, mille in meno dell'anno passato, ma solo per il raggiungimento del tetto limite imposto dagli organizzatori. La mia gara è iniziata alle otto e venti secondi, quindi potenzialmente ho avuto un bel vantaggio mentale sul diretto avversario tedesco, un punto di riferimento che ho cercato per tutta la gara. Per 40 piani ho corso molto bene, sfruttando l'esperienza degli scorsi anni e il buon momento di forma attuale. Verso il sessantesimo piano, mi ero avvicinato molto a Dold, tanto da sentirne il respiro affannato poche scale sopra di me. A quel punto però, è cominciata a subentrare la fatica e chi meglio sà sfruttare la corsa aiutandosi con la spinta di braccia del corrimano, può davvero fare la differenza. E così è stato, Dold ha confermato il primo posto in 11'05, per il sottoscritto 11'15", un miglioramento di 25", ma non sufficiente per la vittoria. Ci riproverò.
Fabio Ruga, lariano di San Siro, già secondo al Pirellone, è giunto terzo, con un tempo di 12'21". Quarto in 12'28" il taiwanese..(provate voi ad interpretare il nome cinese sulla classifica)... e quinto il portoghese Ribeiro. Curiosità, erano presenti anche due keiani, protagonisti della scalata allaTorre di Kuala Lumpur, giunti alnono e al quindicesimo posto.

Tra le donne, facilevittoria di Susi Walsham (AUS) in 14'20". L'italiana Cristina Bonacina è giunta al sesto posto in 16'42".

Aggiungi un commento