.

Categoria: 

MEMORIAL BIANCHI MALONNO 2011 (BS)

Alex Scolari
2/8/2011

VALENTINA BELOTTI SI CANDIDA TRA LE PROTAGONISTE AL MEMORIAL BIANCHI 2011

In vista della finalissima del gran prix corsainmontagna.it vi proponiamo l'intervsta alla campionessa camuna

Capita raramente, ma quando capita, nello sport soprattutto, l'effetto del cosiddetto "enfant du pays" esercita sempre un fascino particolare, tanto sui tifosi quanto sugli addetti ai lavori. Valentina Belotti per la gara di Malonno è innegabilmente qualcosa di più che una semplice atleta. Qui, sui sentieri dell'allora Malonno-Fletta, è sbocciato il talento della scalatrice originaria di Temù: 1998 e 1999, una doppietta riuscita a pochi, anche a livello juniores, e che fece balzare il nome di Valentina all'attenzione nazionale, aprendole la strada per la maglia azzurra. Oggi, 12 anni dopo, Valentina Belotti è un'atleta completa, con alle spalle esperienze importanti anche al di la della corsa in montagna, di cui è già un pezzo di storia, grazie ai tanti titoli e medaglie in bacheca. Malonno la aspetta, il prossimo 7 agosto, con la segreta speranza di festeggiare ancora insieme a lei e darle la consapevolezza di poter ambire a nuovi e grandi successi.

Domanda d'obbligo per iniziare, facciamo un po' di amarcord ... quali sono i tuoi ricordi della Malonno-Fletta e delle tue 2 vittorie a fine anni '90 ? hai qualche aneddoto per i ns lettori ?

La prima vittoria alla Malonno-Fletta era una prova del campionato italiano di corsa in montagna e a quei tempi ero junior. Evidentemente non avevo ancora chiari i meccanismi con i quali veniva assegnato il titolo, per cui a fine gara ero certa di essere la campionessa italiana, invece mi dovetti inchinare alla mia rivale storica di quel periodo che era Asha Tonolini e che nelle altre prove aveva fatto meglio di me!Poco male, è stato un ottimo stimolo per continuare la mia bella "avventura"!

Vieni dalla recente prova di Campionato Italiano 2011 a San Vito di Cadore. Dopo Domodossola un altro 2° posto alle spalle della Confortola, che cosi ti ha soffiato il Titolo Italiano che detenevi da 2 anni. Questo fatto ridimensiona o cambia i tuoi obiettivi per la stagione in corso ? come vivi la rivalità con Antonella di questi ultimi anni ?

Cedere il " trono" non fa mai molto piacere, ma sono sicura che non ridimensionerà ne cambierà gli obiettivi della stagione. Credo invece che, essendomi tolta dalle spalle un po' di responsabilità, possa riuscire ad affrontare con più serenità l'ultima parte di stagione senza avere l'ansia di dovere sempre dimostrare qualcosa. E' molto stimolante il confronto con Antonella, perché è un'atleta seria, tenace e dalla cui esperienza anche nel campo dello sci di fondo posso trarre preziosi insegnamenti. Per cui niente rivalità, ma solo una sana e costruttiva competizione.

Addentriamoci nell'argomento che più sta a cuore ai ns lettori oggi, Il memorial Bianchi 2011. Lo scorso anno per te una giornata non certo all'altezza del tuo blasone (5° posto in 46'05" a 3'36" dalla vincitrice Confortola), il percorso proprio non ti va giù o c'era dell'altro?

Lo scorso anno arrivavo da una serie di gare corse veramente "a tutta" (Campionati Europei, 2^ Prova dei Campionati Italiani e Km Verticale) per cui quel giorno ero un po' cotta. Sicuramente il percorso non mi ha facilitato le cose; soprattutto la prima parte di discesa mi ha messo molto in crisi e poi complice la stanchezza mi sono lasciata andare concludendo "sulle ginocchia"!

Come avrai capito questa è davvero un intervista molto diretta e poco politica, quindi proseguirei con domande che di certo solleticano la curiosità degli appassionati ... questa leggenda di Valentina Belotti debole in discesa, è leggenda o ti senti veramente penalizzata su questo tipo di tracciati ?

Se ti dicessi che una foca correrebbe meglio di me in discesa potrebbe andare come paragone? Scherzi a parte...se il percorso è troppo tecnico, con radici, sassi o una pendenza troppo elevata sono ferma e ho paura. Quando invece il sentiero è su prato e gli appoggi sono buoni, allora prendo qualche rischio in più, ma rimango foca comunque!

A settembre si svolgeranno i mondiali in quel di Tirana, il percorsoè un up&down, e fatte le debite proporzioni (1 giro completo salita+discesa misura circa 4,5 km), un po' assomiglia al Memorial Bianchi... che dici Valentina, a Malonno facciamo le prove per provare a centrare il bersaglio grosso ??

Come dicevo prima, molto dipenderà dalla discesa, ma certo è che l'obiettivo ora è quello di fare un bel mondiale e sicuramente il Memorial Bianchi sarà un'ottima tappa di avvicinamento grazie alle sue caratteristiche up&down.

Non resta che ringraziarti, e darti appuntamento per sabato sera 6 agosto a Malonno, saremo davvero orgogliosi di poterti presentare tra i nostri top runner anche per questa 48^ edizione...

E per me sarà un piacere ed un onore essere li con voi!

Aggiungi un commento