Categoria: 

BRENDAN GREEN: MARTELLO IN TESTA, OLIMPIADI NEL CUORE

Maurizio Torri
12/2/2010

MARTINELLI & ERTL NONI, IL BIATHLON AZZURRO PROMETTE:

su il sipario in Val Martello con la IBU Cup organizzata dall’ASV Martell Raiffeisen. Vince un canadese che gareggerà alle Olimpiadi in staffetta. Tra le donne fallisce la Buchholz, vince la Hitzer. Bene gli italiani, noni con Christian Martinelli e Barbara Ertl

Mentre nella sua patria stanno per scattare i Giochi olimpici, Brendan Green va a togliersi una bella soddisfazione in Val Martello (BZ). È infatti il canadese il vincitore della 10 km sprint maschile, che ha aperto oggi la “due giorni” di biathlon nella località altoatesina, valida come settima e penultima tappa della IBU-Cup, l’ex Coppa Europa. Il riscatto tedesco arriva nella 7,5 km femminile con Kathrin Hitzer che mette in riga nell’ordine la russa Natalia Sokolova e la francese Laure Soulie, che da quest’anno gareggia per i colori di Andorra. E gli azzurri? Centrano un doppio nono posto, con Christian Martinelli al maschile e Barbara Ertl al femminile, non male.

In una mattinata soleggiata ma gelida (-12°), nello splendido centro biathlon di Martello il canadese Green - impeccabile al tiro e una scheggia sugli sci - chiude i tre giri da 3.3 km ciascuno in 26’02”5, rifilando 44”3 al tedesco Christoph Knie, secondo, e 54” al russo Maxim Maksimov, che paga a caro prezzo un errore al poligono dal tiro in piedi, costatogli un giro di penalità, e si è dovuto accontentare del terzo posto. Maksimov lascia fuori dal podio il suo connazionale Andrei Makoveev, che ha visto sfuggire la terza piazza per soli tre secondi: pesano come un macigno le due penalità pagate durante la seconda sessione di tiro, quella in piedi.

Il primo degli azzurri è il valtellinese Christian Martinelli, nono con due errori di mira. In evidenza anche i giovani Pietro Dutto, undicesimo, e il pusterese Dominik Windisch, tredicesimo (3 errori per lui), entrambi classe 1989. Stefan Zingerle si piazza 23esimo, con un Daniel Taschler non al meglio fisicamente che chiude 37esimo. Proprio quest’ultimo è stato perfetto al poligono chiudendo senza errori, esattamente come Green, Knie, il cuneese Dutto e il vicecampione del mondo Juniores francese Souchal (24esimo), gli unici a non aver commesso errori.

Per Green si tratta di una “toccata e fuga” nell’IBU-Cup. Il canadese, che in questa stagione - pur senza acuti - ha preso parte a diverse gare di Coppa del Mondo, sarà in gara anche domani, nella pursuit, per poi fare ritorno in Canada. Green, infatti, farà parte della staffetta olimpica canadese.

Chi si aspettava il dominio tedesco, quindi, è rimasto deluso. La Germania si deve accontentare del secondo posto di Knie, con l’attuale leader di IBU-Cup Daniel Graf che non va oltre il 17esimo posto. Non va tanto meglio ai suoi diretti inseguitori, nell’ordine i connazionali Daniel Böhm, decimo oggi, ed Erik Lesser, scivolato nelle retrovie al 32esimo posto. Delle loro giornate “no”, ne approfittano Knie, quinto nella generale, e Toni Lang, sesto oggi e quarto nella classifica di Coppa.

Rimasta a bocca asciutta nella prova maschile, la Germania si consola nella sprint femminile, vinta da Kathrin Hitzer, che nel suo curriculum vanta già successi in Coppa del Mondo. Rispetto ai maschi, partiti alle ore 10 con una temperatura a -12°, le donne (start alle 13.30) corrono con temperature un po’ più miti e “baciate” dal sole. Ciononostante l’attuale leader di IBU-Cup, la tedesca Sabrina Buchholz, è rimasta “congelata”, vittima di tre errori al poligono ed ha concluso solo al 19esimo posto, staccata di oltre un minuto e mezzo. Male anche un’altra delle favorite, Juliane Döll. A salvare i colori tedeschi ci pensa così Kathrin Hitzer che taglia il traguardo in 25’02”8 (con una sola penalità), mettendosi alle spalle la russa Natalia Sokolova (+24”3), penalizzata da 3 errori al poligono, e la francese “trapiantata” in Andorra, Laure Soulie (+32”6), che lascia ai piedi del podio la russa Ekaterina Yurlova.

L’altoatesina Barbara Ertl fino al secondo giro era in lizza per un posto sul podio, ma nella terza frazione viene colpita da una crisi di fame e va in difficoltà. Alla fine retrocede al nono posto, nonostante sia stata perfetta al poligono (tutti centri per lei). Prestazione positiva anche della 19enne pusterese Dorothea Wierer, 14esima, mentre Michela Andreola conclude 18esima. Più indietro le altre con Alexia Runggaldier 32esima appena davanti a Federica Sanfilippo, mentre Nicole Gontier termina 43esima.

Nella classifica generale di IBU-Cup, la tedesca Buchholz mantiene la leadership, nonostante il passo falso odierno, con un ampio margine di vantaggio sulla sua prima inseguitrice, la russa Yurlova, mentre Carolin Hennecke, quinta nella sprint, scalza dal terzo posto Stefanie Hildebrand, deludente oggi con il suo 25esimo posto.

Dopo l’antipasto odierno, spazio domani alle pursuit con partenza ad handicap in base ai distacchi di oggi. Proprio per questo motivo, il grande favorito nella gara maschile è Green, che partirà con un vantaggio di 44” su Knie. Occhio puntati però sul tedesco, che una settimana fa si è imposto nella pursuit di Haute Maurienne. Ne vedremo delle belle.

Va così in archivio la prima giornata, organizzata impeccabilmente dalla società locale Asv Martello/Raiffeisen di “patron” Georg Altstätter. Domani è in programma il gran finale con le due pursuit: i maschi scatteranno alle 10.00, le loro colleghe alle 12.30.

Info: www.biathlon-martell.com

Classifica maschile 10 km Sprint

1) Green Brendan (CAN) 26’02”5; 2) Knie Christoph (GER) +44.3; 3) Maksimov Maxim (RUS) +54; 4) Makoveev Andrei (RUS) +54; 5) Grossegger Sven (AUT) +1.00.6; Lang Tony (GER) +1.07.6; 7) Roche Tanguy (FRA) +1.14.8; 8) Eberhard Tobias (AUT) +1.17.2; 9) Martinelli Christian (ITA) +1.18.8; 10) Böhm Daniel (GER) +1.20.1.

Classifica femminile 7.5 km Sprint

1) Hitzer Kathrin (GER) 25’02”8; 2) Sokolova Natalia (RUS) +24.3; 3) Soulie Laure (AND) +32.6; 4) Yurlova Ekaterina (RUS) +33.5; 5) Hennecke Carolin (GER) +37.3; 6) Boilley Sophie (FRA) +44.3; 7) Guseva Natalia (RUS) +46.4; 8) Demidova Maria (RUS) +49.2; 9) Ertl Barbara (ITA) +1:02.8; 10) Döll Juliane (GER) +1:11.1

Classifica IBU Cup

Maschile: 1) Graf p.495; 2) Böhm 452; 3) Lesser 443; 4) Lang 425; 5) Knie 400

Femminile: 1) Buchholz p.467; 2) Yurlova 375; 3) Hennecke 369; 4) Hildebrand 368; 5) Hitzer 364

Aggiungi un commento