Categoria: 

RED BULL X-ALPS 2009

Maurizio Torri
22/7/2009

Al Red Bull X-Alps… è stato registrato il p?rimo ritiro: ferito l’ Austriaco Amon !!!??

Dopo il via di domenica dalla città natale di Mozart, Salisburgo, gli atleti della Red Bull X-Alps 2009 hanno intrapreso il percorso verso l'Italia e puntano la Marmolada, dopo essere passati per i turnpoint (punto di aggiramento) del Gaisberg, del Watzmann (GER) e del Großglockner. A centinaia di Kilometri dalla meta della gara, Monaco, lo Svizzero Christian Maurer si trova in testa. ?Christian Amon (AUT) si è dovuto ritirare dopo 12 ore in seguito a una lesione al tendine d’ Achille.

??Sulla via verso il turnpoint del Watzmann (GER) Amon si è storto una caviglia in un’area impervia. L’Austriaco ha provato il tutto e per tutto per poter continuare la gara, ma i dolori gli hanno impedito di proseguire e hanno reso inevitabile il ritiro dalla gara. ?Gli italiani, dopo un buon inizio, hanno incontrato qualche difficoltà e quindi rallentato la corsa. Ma siamo solo all'inizio e la classifica può cambiare in qualsiasi momento.??I 29 atleti rimasti in gara si “ dilettano“ ancora a sfidare i limiti della resistenza fisica. Lo Svizzero Christian Maurer conduce la gara davanti ai connazionali Martin Muller e Alex Hofer.

?Vi sono ancora possibilità di vittoria per tutte le 23 nazionalità rappresentate in gara, come spiega l’ Americano Honza Rejmanek: “Durante il percorso può accadere di tutto in qualsiasi momento: un passo falso o una decisione tattica sbagliata ti fanno subito rimanere indietro. Il corpo è ai limiti della sopportazione e bisogna comunque rimanere lucidi ogni secondo, anche quando si dorme”.??Secondo il regolamento dopo le prime 72 ore di gara (Mercoledì alle ore 11,30) l’ atleta che si trovi in ultima posizione viene eliminato dalla competizione.

Succesivamente ogni 48 ore il concorrente più lento deve abbandonare la gara.??Dotati solamente di un parapendio e dell’equipaggiamento da montagna, e senza ulteriori mezzi, gli atleti dovranno superare massicci montuosi leggendari che si estendono in 5 paesi. ?Resistenza, concentrazione costante e tattica, ma anche fatica, sofferenza, pericolo e le avversità del tempo influenzano da subito la resa degli atleti.?

Passando per i turnpoint del Watzmann (GER), del Großglockner (AUT), della Marmolada (ITA), del Cervino (SUI), del Monte Bianco (FRA), e del Mont Gros (FRA) – gli atleti dovranno superare il percorso fino ad arrivare al porto della lussuosa Monaco. ??Nel 2007 Alex Hofer (SUI) impiegò poco più di 13 giorni per raggiungere la meta. Solamente 5 atleti raggiunsero il traguardo.??Alla pagina www.redbullxalps.com sotto Live Tracking si può seguire la gara minuto per minuto, 24 ore su 24.?

Aggiungi un commento