DOLOMITI SKY RUN 2014 - BRAIES (BZ)

DOLOMITI SKY RUN 2014 - BRAIES (BZ) - Nasce una nuova e affascinante ultra trail che segue la storica Alta via numero 1...

DOLOMITI SKY RUN 2014 - BRAIES (BZ)

Nasce una nuova e affascinante ultra trail che segue la storica Alta via numero 1...

10/01/2014 - Scritto da: Redazione - letto 13501 volte

Una prima assoluta da non perdere. Un percorso di 136 km per 11.800 metri di dislivello positivo che collega Braies (BZ) a Belluno.....

Da oggi gli appassionati di corse in condizioni estreme hanno una sfida in più dove testare i propri limiti affrontando nuove avventure, cercando scariche di adrenalina o semplicemente lasciandosi spingere e affascinare dalle bellezze della natura. Si tratta della nuova e affascinante ultra trail Dolomiti Sky Run che si terrà dal 4 al 6 luglio 2014, organizzata dalla società omonima bellunese affiliata al Coni e all'AICS, offre la risposta a queste necessità.
Saranno 136 i chilometri totali di questa nuova e intrigante gara dal dislivello positivo (cioè verso l'alto) di 11.800 metri che segue l'Alta via numero 1, percorso dall'inconfondibile segnavia triangolare azzurra.
Una sfida da vivere nel cuore di uno dei patrimoni dell'umanità Unesco: le Dolomiti.  

 

I muscoli dei partecipanti inizieranno a scaldarsi nel primo pomeriggio del 4 luglio a Braies in val Pusteria, mentre la partenza della gara è prevista alle 18 dello stesso giorno. Gli organizzatori prevedono che i primi a tagliare il traguardo lo faranno in un tempo di circa 20 ore mentre gli ultimi arrivati potrebbero necessitare fino a 40 ore (tempo massimo): la gara quindi si concluderà tra il 5 e il 6 luglio, dopo aver attraversato alcuni tra i luoghi più incantevoli della natura che circonda le provincie di Bolzano e Belluno.

 

Luoghi unici dell'arco alpino che inanellano le Dolomiti di Braies, di Cortina d'Ampezzo, dello Zoldano, dell'Agardino e di Belluno. Un percorso arricchito in totale da 11 Gruppi Dolomitici e da tre Passi.
Lo sfondo che accompagnerà gli atleti sarà quindi ricco e variegato di immagini crude come le pareti di Dolomia ma anche meravigliosamente accoglienti come i colori di un parco naturale unico tra i più grandi di tutto l'arco alpino (25.453 ettari) quale quello di Fanes-Sennes-Braies, fortemente caratterizzato dai fenomeni del carsismo e da una natura incontaminata talmente bella da fare da sfondo a numerose leggende che vedono come protagonista anche gli incantevoli riflessi del lago di Braies, uno degli scorci più suggestivi della Dolomiti Sky Run.
 

 

 

 

La Dolomiti Sky Run offre quindi una scenografia unica a coloro che sono soliti affrontare fatiche da giganti come quelle richieste dalle ultra trail ma allo stesso modo permette anche a chi desidera testare i propri limiti di trovare un nuovo modo per apprendere una diversa consapevolezza delle proprie risorse e capacità.
Le iscrizioni partiranno sabato 11 gennaio e rimarranno aperte fino a sabato 31 maggio; inoltre gli organizzatori, al fine di avvicinare alla bellezza di questo sport anche chi non è solito affrontare distanze così impegnative, permettono di provare questo questa nuova gara anche in staffette da tre concorrenti (maschili, femminile o miste).  

 

Il percorso della Dolomiti Sky Run si sviluppa ad un'altitudine media di circa 2000 metri e il punto più alto del percorso verrà toccato dopo quasi 40 km, quando gli atleti raggiungeranno i 2752 metri d'altitudine del rifugio Lagazuoi per poi continuare attraverso il passo Falzarego in direzione del rifugio Averau. Una zona, questa, che ancora porta i segni dei numerosi scontri tra italiani e austriaci avvenuti nel corso della prima guerra mondiale e che i partecipanti alla gara potranno in qualche modo rivivere.
Il tracciato prosegue in direzione del monte Pelmo - la prima cima dolomitica ad essere stata scalata grazie all'intrepido coraggio mostrato nel 1857 dall'irlandese John Ball - da dove poi gli atleti raggiungeranno il rifugio Sonnino, punto panoramico ideale per apprezzare la maestosa parete settentrionale del monte Civetta. Seguiranno una serie di sali e scendi misti intervallando boschi, ghiaioni e prati fino a raggiungere le ultime tappe impegnative e selvagge che corrono sulle montagne per poi arrivare al traguardo posto nel cuore della città di Belluno (piazza Martiri).

 

Inizia così il count down alla partenza e in questi mesi di fremente preparazione il comitato organizzatore ha predisposto una serie di iniziative per stimolare l'attesa di atleti e dei semplici appassionati per svelarei segreti dell percorso e di tutto ciò che ruota attorno alla passione e alla preparazione per l'attività outdoor. Aggiornamenti e novità che verranno costantemente promossi attraverso i canali social come il sito internet www.dolomitiskyrun.it - che sarà online a partire dalla serata di sabato 11 gennaio in concomitanza con l'apertura delle iscrizioni - e la pagina Facebook della Dolomiti Sky Run www.facebook.com/dolomitiskyrun.


Commenti

Bella, ma stesso periodo della lavaredo?
...e stessa data della Südtirol Ultrarace! Furbi i tirolesi/veneti...
Il problema non è essere furbi o meno, il problema è che i week end adatti a queste corse, nelle dolomiti, sono pochi e in quelli si concentrano le gare A giugno il rischio è che molti sentieri siano impraticabili per la neve, ad agosto ci sono troppi escursionisti e problemi logistici insormontabili, in settembre il problema potrebbe essere il freddo e le ore di luce sono meno. Quindi... E poi per i corridoi avere più scelta mi pare un vantaggio o no?
caro fenomeni il problema non è essere furbi o meno, è che i week end nelle dolomiti (e in alta montagna in generale) adatti a queste gare sono pochi e in quelli si affollano le competizioni. infatti a giugno molti sentieri potrebbero essere inagibili per la neve (come a giugno 2013) ad agosto ci sono una marea di escursionisti sui sentieri problemi logistici insuperabili ed in autunno il rischio è il freddo e le ore di luce sono meno. quindi ... ma se hai qualche suggerimento ... e poi per i corridori avere più scelta non è un bene ?
Mi affaccio con molta modestia al vostro sito! Sicuramente è noto che, da una mia idea, nel 2005, con Rinaldo e Giuseppe, tutti e tre insieme, abbiamo coperto per la prima volta l'intero percorso senza soluzioni di continuità... in meno di 24h (al Rif.VII), per cui se qualcuno è interessato a conoscere meglio l'esperienza.... siamo disponibili alle eventuali richieste e/o collaborazioni
ciao arturo. se vorrai scriverci a info@dolomitiskyrun.com e raccontarci della tua avventura ne saremo felici. potremmo pubblicarla nel sito o sulla pagina fb grazie fabio
come ci si iscrive
ci provero molto volentieri!! e spero portiate via molte iscrizioni alla lavaredo che non e nemmeno in grado di dare a 300 finicher tra i quali io stesso il giubbino promesso .. ciao a luglio

Aggiungi un commento

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.