LA SPORTIVA GOES GREEN AD ISPO 2019

Sottotitolo: 
Prosegue l’impegno dell’azienda in ambito sostenibilità con l’entrata ufficiale nell’organizzazione 1% For the Planet

9/1/2019
Tags: 
la sportiva
ispo 2019
progetto green la sportiva

L’azienda lancia inoltre una linea apparel dedicata allo skialp realizzata in tessuti ECO-Recycled e scarponi da sci alpinismo in Pebax Bio-Based.

Il 2019 si apre per La Sportiva, azienda trentina leader mondiale nel settore delle calzature ed abbigliamento outdoor, all’insegna dell’eco-sostenibilità con soluzioni, materiali e certificazioni pensati per contenere al minimo l’impatto ambientale dei propri prodotti e dare un segno ancora più forte e tangibile di commitment aziendale verso lo sviluppo sostenibile.

Alla fiera ISPO di Monaco La Sportiva ufficializza l’entrata come nuovo membro nell’organizzazione no-profit internazionale 1% For the Planet all’interno della quale i membri contribuiscono destinando almeno l’1% del proprio fatturato annuale, a progetti e cause ambientali. “E’ un grande traguardo per la nostra azienda – dichiara il CEO e Presidente Lorenzo Delladio – che da sempre pone la massima attenzione nei confronti dell’ambiente in cui opera, ne sono la dimostrazione le certificazioni ambientali ISO, l’obiettivo che ci siamo posti di costante riduzione di emissioni di CO2 nell’impianto produttivo che abbiamo tra le Dolomiti patrimonio dell’Unesco in Val di Fiemme, la certificazione socio-ambientale di filiera Bluesign, le numerose collaborazioni con associazioni pro ambiente tra le quali EOCA (a cui abbiamo destinato il 20% dei ricavi dello scorso Black Friday) e ancora il riciclo di almeno il 60% degli scarti di lavorazione nei nostri processi produttivo, il supporto a specifiche attività ambientali e tutte le opere riassunte nel nostro documento di CSR. 1% For the Planet certifica che quanto facciamo va nella direzione di proteggere l’ambiente nel quale viviamo cercando di invertire assieme alle altre aziende che ne fanno parte, la rotta verso il global warming, vera minaccia del nostro tempo”.

L’impegno dell’azienda prosegue all’interno delle novità prodotto sia in ambito Apparel che Hardgoods, il cuore della collezione invernale FW 19/20 in mostra ad ISPO.

La nuova linea d’abbigliamento Ski-Tour vede infatti il lancio di capi realizzati totalmente o parzialmente con tessuti ed imbottiture ottenute dal riutilizzo del poliestere riciclato e certificato RePET®, derivante dal riciclo di bottiglie di plastica a fine vita. I capi che riportano l’etichetta “RECYCLED FABRIC & INSULATION” garantiscono che:

  • Ogni derivato petrolchimico è stato sostituito con fibre ottenute da poliestere riciclato
  • Il capo contribuisce a ridurre l’impatto sul Pianeta
  • Durabilità e qualità nel tempo
  • Una produzione di minori quantitativi di CO2 (circa un 54% in meno rispetto alla produzione di fibre tradizionali) nel processo produttivo delle fibre di polyestere riciclato

E’ il caso di prodotti come Zeal JKT, Inversion Primaloft Vest, Meridian Primaloft JKT e ancora Phase Down JKT e Faster Primaloft JKT. Non a caso capi in cui compare molto spesso l’ingredient brand americano Primaloft che ha fornito a La Sportiva l’innovativa imbottitura Primaloft® Silver Active Eco Insulation disegnata anch’essa utilizzando fibre totalmente ottenute dal riciclo di prodotti plastici. Sui base layer spazio invece a Polygiene® Treatment, trattamenti anti-odore ed anti-batterici che permettono di indossare molto più a lungo i capi consentendo una minor frequenza di lavaggi e quindi un minor impatto ambientale.

Lato Hardgoods la collezione di scarponi tecnici per la risalita (skialp) si completa con Skorpius CR, scarpone dedicato a sci alpinisti evoluti con scafo rinforzato in carbonio per una sciata potente e sicura, tripla compatibilità con attacchi Tech, AT e Trab TR2 e scafo e gambetto nell’innovativa ed eco-compatibile materiale Pebax® Rnew® Bio-based, polimero ottenuto dalle piante di castor oil (olio di ricino). Parallelamente l’azienda continua ad investire nel suo “reparto corse” giungendo alla quinta edizione del celebre scarpone da gara ora sotto il nome di STRATOS V (v come vittoria ma anche V come il numero romano cinque) ulteriormente alleggerito (540 grammi compresa la scarpetta) e già ai piedi del campione del mondo in carica Michele Boscacci, fresco di rinnovo con l’azienda per i prossimi 5 anni.

 

 

 

Importanti novità anche per la divisione Footwear con l’introduzione di TX Top GTX, calzatura da approach della celebre serie Traverse X con ghetta integrata e suola super grippante Vibram® Megagrip, le nuove nate per il Winter Running Kaptiva GTX, versione winter dell’atteso modello SS19 che adotta la nuovissima membrana Gore-Tex® Invisible Fit laminata direttamente sulla tomaia per la massima flessibilità e comfort di calzata, e Blizzard GTX: prima calzatura da Trail Running all’interno della collezione La Sportiva Mountain Running® con chiodi già integrati nella suola per correre in sicurezza su terreni nevosi e ghiacciati.

 

 

 

“Save the best for last”: dopo 2 anni di studio e test sul campo ai piedi di Simone Moro e Tamara Lunger fa il suo debutto sul mercato OLYMPUS MONS CUBE, edizione aggiornata del più celebre modello da 8000 metri sul mercato oggi completato da contenuti altamente tecnici come la doppia chiusura BOA® Fit System, la soletta isolante Primaloft® Gold Aerogel e la doppia mescola Vibram® Morflex e Vibram® Litebase. Lo scarpone è tra i più termici oggi disponibili sul mercato e rappresenta lo stato dell’arte dei prodotti da spedizione, completato dall’inserto frontale per l’attacco pin da sci alpinismo che permette l’utilizzo con gli sci, ideale anche per avvicinamenti sui nevai e per le traversate artiche:  come testato da Moro e Lunger durante l’ultima spedizione in Siberia nelle Chersky Range, il luogo abitato più freddo sul Pianeta.

Un anno ricco di novità per il brand trentino da sempre alla ricerca dei migliori prodotti per chi va in montagna, con un forte orientamento all’ambiente ed alla sostenibilità
Innovazione, passione, tradizione, ricerca costante. Dal 1928.
 

Aggiungi un commento