Categoria: 

SPEDIZIONE IN PAKISTAN DI TAMARA & HANSJÖRG LUNGER

Sottotitolo: 
Lo scorso fine settimana sogno realizzato: due prime scalate in due giorni!

Redazione
18/4/2013
Tags: 
spedizione
pakistan tamara
hansiorg
LUNGER
scialpinismo

Da più settimane Tamara e Hansjörg Lunger attraversano sugli sci la solitudine dei ghiacciai del Pakistan insieme agli austriaci Matthias Aberer e Stefan Fritsche...

Il quartetto con Tamara e Hansjörg Lunger e i due camermen austriaci Matthias Aberer e Stefan Fritsche dal 31 marzo 2013 attraversano con delle pulke (slitte da trasporto che loro trainano) il ghiacciaio Braldu in Pakistan. All'inizio l'impresa sembrava essere completamente senza successo, in quanto larghi crepacci e enormi seracchi si sono messi loro sul cammino rendendo anche solo l'avvicinarsi alle montagne quasi impossibile. Ciò nonostante il gruppo il 10 aprile è riuscito, per acclimatarsi, a scalare una montagna  (5619m) nella zona di Braldu.

Colmi di nuova motivazione hanno rivolto tutta la loro attenzione a due montagne non ancora scalate in una valle laterale del ghiacciaio di Braldu. Con due pulke il gruppo intorno a Tamara Lunger si è incamminato verso la valle dove in due giorni avrebbero voluto erigere un campo base per le due montagne. Poco prima di raggiungere il passo una parete alta 150 m si è posta loro davanti. Intorno a mezzogiorno, e non certamente senza pericolo, Tamara e Hansjörg l'hanno scalata, mentre Matthias e Stefan hanno preferito campare sotto la parete. Il 13 aprile i due cameramen li hanno raggiunti ed insieme si sono incamminati verso la prima cima inviolata che secondo la cartina doveva essere di 6360m.

 

 

Il tratto iniziale abbastanza pianeggiante portava a sua volta verso crepacci e terreni ghiacciati. Il gruppo si è mosso lentamente in direzione della vetta alternando sci a ramponi e picozze. I crepacci sembrava non volessero finire mai rallentando e rendendo ancora più difficile l'ascensione. Verso le ore 14:45 il gruppo ha raggiunto la vetta, potendo poi discendere con gli sci dalla cima fino al campo.

Il 14 aprile i quattro alpinisti hanno deciso di affrontare subito la seconda montagna di 6467m non ancora scalata. Questa volta il gruppo ha preferito scalare a due a due. Tamara e Hansjörg hanno subito trovato la via attraverso i crepacci. Dopo un lungo passaggio con gli sci hanno seguito tratti più ripidi sulla cresta e in parte anche ghiacciati. L'ultimo tratto i sudtirolesi l'hanno superato ancora con gli sci e alle ore 12:30 locali hanno raggiunto la vetta di 6500m scarsi, seguiti dopo poco dai due cameramen.

Esultanti di gioia, il giorno stesso i quattro alpinisti sono tornati al campo a 5200m. Dopo una giornata di riposo proseguiranno nei prossimi giorni in direzione del passo Lupke La, da dove dovrebbero scalare altre montagne.

 

Tamara Lunger: “Sono sopraffatta dalla commozione e molto felice, perché dopo tutti i problemi iniziali, adesso siamo finalmente riusciti a fare queste montagne inviolate, perfino in due giorni seguenti! Sono molto grata di poter vivere quest’avventura e questi momenti commoventi assieme a mio padre Hansjörg. La sintonia padre e figlia è una cosa veramente speciale per me. Adesso non vedo l’ora di continuare il nostro viaggio perso Lupke La, sono molto curiosa cosa ci aspetterà ancora dentro queste bellissime montagne.”

 

L'attuale cronaca di viaggio viene messa a disposizione via modem satellitare al sito www.thegreatcrossing.net, mentre le impressioni personali di Tamara si possono rileggere sul suo blog www.tamaralunger.com. Su questo viaggio verrà prodotto un documentario la cui produzione può essere sostenuta da chi lo desiderasse su www.startnext.at/thegreatcrossing.

 

 

Commenti

Con tutto il rispetto per i sogni e i giusti obbiettivi degli alpinisti non capisco tutto il can can mediatico attorno a Tamara Lunger..Forse cerca visibilita'e sponsor..O forse tutto questo fa parte della cultura mediatica della condivisione delle emozioni anche quelle piu' personali...Sara' ma a me risulterebbe piu' vera e simaptica se fosse meno accerchiata dal circolo mediatico...Auguro a lei il raggiungimento di tutti suoi sogni.Sinceramente.

ciao Tamara e ciao Hans, grazie della condivisione della avventura, che porta a quella serenita' e silenzio che piace a tutta la gente di montagna, tanto se c'e' il can can mediatico e' perche' se lo merita, di certo non e' attorno a te Luigi. ti ricordo che la equipe Lunger ha vinto moltissimo in montagna e noi li rispettiamo !!! Grazie

Si ultimamente mi sembra che siano tutti un po sparati fuori dal cannone, la facilità di fornire e scambiarsi informazioni ha aumentato le notizie...così c'è in giro di tutto! se uno mette su Fb anche quando va a fare la cacca va bene, al limite dopo un po blocchi le sue info e buona notte, però chi gestisce i siti (bene come sportdimontagna) dovrebbe filtrare un po' quello che mette in home, così da non creare confusione. Se le lunger va a farsi il giretto con suo papà sono contento per lei ..però dormo anche senza saperlo :-)

Caro Luca dimostri una personalita' molto democratica e tollerante..complimenti...Ma stai tranquilllo io non parlo per invidia-cosi sembra da quello che dici- volevo solo porre una questione.Ma non si puo'..oppure si puo' ma fa partire la stizza di Luca.Mi spiace...In quanto a cose importanti c'è gente che fa cose molto piu' importanti che scalare cime o vincere-magari con l'inganno???-gare di sci alpinismo.In fin dei conti diciamolo noi alpinisti-lo ebbe a dire Mauro Corona-siamo i piu' ambiziosi ed egositi che ci sono sulla faccia della terra... p.s Mauro Corona parlava per l'esattezza di "vanitosi"...e confermo in toto.Buone cose a tutti.

Oggi Gigio e Pammy hanno raggiunto la vetta del Terminillo dalla Valle degli Angeli dopo un assedio di 4 giorni. Faceva troppo caldo, infatti, nei giorni scorsi ed hanno preferito rimanere a casa. Troppo zoccolo sotto i ramponi....Il cielo era di un turchino mai visto...il panorama anche....che bello condividere queste emozioni con tutti! A presto un libro sull'impresa e sette serate in tutta Italia con proiezioni e commenti. ...Auguri ai Lungher

Aggiungi un commento