Categoria: 

RED BULL X-ALPS 2013 - SALZBURG TO MONACO

Sottotitolo: 
Cominciato il countdown. Mancano 100 giorni....

Redazione
28/3/2013
Tags: 
red
bull
x-alps
salisubrgo
monaco

Il countdown è iniziato! Mancano solo 100 giorni prima che 32 atleti provenienti da 21 diversi paesi si mettano in marcia per la gara più estrema al mondo...

Lo sparo d’inizio dell’edizione 2013 del Red Bull X-Alps risuonerà nella città di Salisburgo il prossimo 7 luglio, mettendo fine ai lunghi mesi di preparazione di alcuni degli atleti più audaci dell’intero pianeta. La tanto attesa edizione 2013 promette di essere più estenuante che mai! Gli organizzatori della gara, infatti, hanno scelto un percorso massacrante, di circa 200 km più lungo rispetto al 2011, tra sentieri che si snodano da un capo all’altro delle Alpi per una distanza complessiva di 1.031 km in linea d’aria.

 

Gli atleti si sono allenati in ogni angolo del mondo sotto pioggia, neve e sole, preparandosi ad affrontare qualsiasi aspetto di questa gara unica nel suo genere. Al primo posto nell’agenda di tutti gli atleti c’è la necessità di aumentare la propria resistenza fisica e mentale. Thomas de Dorlodot (BEL) e Ferdinand van Schelven (NED)  si sono concentrati proprio su questo, completando un’epica traversata di 850 km, percorrendo a piedi e in volo le Alpi Neozelandesi in tutta la loro lunghezza per 28 giorni, in vero stile X-Alps.

 

Non sono stati gli unici atleti a migrare verso sud in cerca di un’avventura che li mettesse alla prova. Babu Sunuwar (NEP) e Mike Küng (AUT2) hanno entrambi fatto rotta verso le elevate altitudini del Kilimanjaro, la cima più alta del continente africano. Sunuwar è riuscito ad ottenere un permesso speciale ed ha portato a termine con successo il suo lancio in volo dalla vetta del monte, diventando il primo pilota nepalese ad aver compiuto una simile impresa. Anche Paul Guschlbauer (AUT1) si è allenato nei territori dell’Africa orientale, lavorando sul suo rendimento in corsa ad Iten, la famosa "Patria dei Campioni”, che ha dato i natali a dozzine di leggendari fondisti keniani. Ma ci sono stati anche molti atleti che non sono fuggiti dalle dure temperature invernali, come Lars Budack (GER2), che è stato tra quelli che hanno preso parte alle gare di corsa in montagna (mountain marathons) sfidando la neve e le gelide temperature europee. 

 

Altri atleti, nel frattempo, hanno reclutato compagni di allenamento piuttosto inusuali. Honza Rejmanek (USA1) durante gli allenamenti ha iniziato a portare sulle proprie spalle il figlio di quattro anni!

 

 

 

 

 

Mentre la leggenda del Red Bull X-Alps, Toma Coconea (ROM) — che fino ad ora ha preso parte a tutte le competizioni – ha coinvolto nel suo programma di allenamento un gruppo di ignari turisti sulla catena dell’Himalaya. “Sono corso verso la vetta, poi da lì ho spiccato il volo sorvolando la vallata, terrorizzando i clienti che si trovavano sul parapendio biposto ,” ha commentato.

 

Qualunque sentiero gli atleti abbiano percorso fino ad ora, tra 100 giorni conosceremo la verità, quando saranno tutti schierati sulla linea di partenza pronti a vivere l’avventura della loro vita!

 

 

IL RED BULL X-ALPS:


Il prossimo 7 luglio il Red Bull X-Alps 2013 giungerà alla sesta edizione con la più estenuante e avventurosa gara alpina, durante la quale gli atleti dovranno percorrere a piedi o in volo più di 1.000 km nel più breve tempo possibile, su un tracciato che si snoda tra le Alpi e che prende il via da Salisburgo fino a raggiungere Monaco. Ogni singolo chilometro deve essere percorso a piedi o in parapendio. È un’impresa formidabile che si compie in uno dei paesaggi più strabilianti e tuttavia più implacabili al mondo. Ogni squadra è formata da un atleta che può contare sull’aiuto di massimo due supporter. La gara non ammette alcuna possibilità di assistenza tecnica o esterna. Gli atleti dovranno fermarsi dalle 22:30 fino alle 05:00. Tuttavia, l’edizione 2013 ha in serbo una sorpresa che promette di rendere la gara ancora più eccitante: ciascun atleta potrà infatti sfruttare un “Night Pass” che permetterà loro di avanzare a piedi per tutta la notte.

Requisito obbligatorio per partecipare alla gara è quello di possedere esperienza di volo con il parapendio e un'eccezionale capacità di resistenza: non è, infatti, cosa insolita per gli atleti percorrere a piedi fino a 100 km al giorno. L’edizione 2011 è stata vinta da Christian Maurer (SVI) in 11 giorni, 4 ore e 22 minuti. Con l’edizione 2013, il Red Bull X-Alps festeggerà anche il decimo anniversario dalla disputa della prima gara.

 

GLI ATLETI ITALIANI IN GARA:

 

ITA1 – Aaron Durogati

ITA2 – Peter Gebhard

ITA3 – Andy Frötscher

Aggiungi un commento